• Novembre 24, 2017
  • News

La luce pulsata intensa è una tecnologia utilizzata dai professionisti cosmetici e medici per eseguire diversi trattamenti cutanei per scopi estetici e terapeutici, tra cui la depilazione, la fotorejuvenzione (ad esempio il trattamento della pigmentazione cutanea, danni provocati dal sole e vene varicose), alleviare alcune malattie dermatologiche come l’acne. Inoltre, questo trattamento è sempre più usato nell’oculistica, per curare l’occhio secco evaporativo a causa della disfunzione mebomica delle ghiandole. 

La tecnologia di un epilatore a luce pulsante utilizza un fascio di luce ad alta potenza, a mano e controllato da computer per fornire un impulso di luce intenso, visibile e ad ampio spettro, generalmente in un intervallo spettrale visibile da 400 a 1200 nm. Vari filtri sono comunemente utilizzati per filtrare selettivamente le lunghezze d’onda inferiori, in particolare la luce ultravioletta potenzialmente dannosa. La luce risultante ha una gamma spettrale che si rivolge a specifiche strutture e cromofori (ad esempio melanina nei peli o ossimoglobina nei vasi sanguigni) che vengono riscaldati fino alla distruzione e riassorbiti dal corpo. Un epilatore a luce pulsante condivide alcune somiglianze con i trattamenti laser, in quanto entrambi utilizzano luce per scaldare e distruggere i loro obiettivi, ma a differenza dei laser che utilizzano una singola lunghezza d’onda (colore) di luce che in genere corrisponde ad un solo cromoforo e quindi solo una condizione, un epilatore a luce pulsante utilizza un ampio spettro che, se utilizzato con i filtri, consente di essere utilizzato in più condizioni; ciò può essere raggiunto quando il tecnico seleziona il filtro appropriato che corrisponde a un cromoforo specifico.

Descrizione di un epilatore a luce pulsante

La luce pulsata intensa è l’utilizzo di impulsi intensi di luce non coerente su una gamma di lunghezze d’onda da 500 a 1200 nm; questo trattamento produce un’emissione ad alta frequenza ad ampio spettro. Il raffreddamento è usato per proteggere la pelle a contatto con il dispositivo.

I regolamenti che disciplinano un epilatore a luce pulsante variano da paese a paese.

La prima approvazione di un epilatore a luce pulsante fu per il trattamento della telangiectasia nel 1995. L’uso si diffuse rapidamente a varie impostazioni mediche e cosmetiche. Il trattamento è generalmente sicuro ed efficace, ma possono verificarsi complicazioni quali l’iperpigmentazione. La luce policromatica può raggiungere molti cromofori nella pelle umana: principalmente nell’emoglobina, nell’acqua e nella melanina. 

Rimozione dei peli con un epilatore a luce pulsante

Un epilatore a luce pulsante può ridurre permanentemente la crescita dei peli, più efficacemente di quelli più scuri e più grossolani. Ci sono molti nomi e dispositivi per trattamenti con luce pulsata e la rimozione dei peli è diversa e utilizza luce laser coerente e monocromatica.

Protocollo che segue un trattamento con un epilatore a luce pulsante

La luce ad ampio spettro viene applicata sulla superficie della pelle; questa luce attraversa la pelle fino a colpire le radici o i bulbi piliferi. In un bulbo pilifero, solitamente, si trova la più alta concentrazione di melanina e non appena la luce viene assorbita, il bulbo e la maggior parte della radice vengono riscaldati, distruggendo la formazione del pelo. Si afferma, inoltre, che la conversione del calore avviene direttamente nei capillari più scuri che portano sangue al follicolo.

In qualsiasi momento, non tutti i follicoli piliferi sono “attivi” e solo quelli dei peli attivi possono essere influenzati dal trattamento. I follicoli dei peli “inattivi” possono essere trattati, comunque, in quanto diventano “attivi” nel tempo. Per i trattamenti con un epilatore a luce pulsante, sono necessari una media di 8-10 trattamenti per rimuovere i peli più visibili. Nessun protocollo comune di trattamento esiste e dipende dall’apparecchiatura utilizzata e dal tipo di pelle del paziente. L’area da trattare deve essere pulita e rasata e priva di scottature. Le sessioni di trattamento vanno di solito dalle 4 alle 6 settimane. 

Contrariamente a quanto si afferma spesso, la fotoepilazione non è un metodo permanente di rimozione dei peli, ma un metodo permanente di riduzione degli stessi. Anche se i trattamenti con un epilatore a luce pulsante riducono in modo permanente il numero totale di peli corporei, non provocheranno una rimozione permanente di tutti.